Google+

Co e Gi

2

Sono passati quasi sei anni da quando, un giorno d’estate, Daria mi propose di scrivere un romanzo a quattro mani. Abbiamo preso la penna cercando di mettere su carta tutto il nostro impegno, tutta la nostra fantasia e tutto il nostro amore, fino a creare, qualche mese dopo, “Co e Gi”. Purtroppo, come spesso accade agli autori esordienti, le tre “i” (inesperienza, ignoranza e ingenuità) ci hanno fatte cadere in una trappola vischiosa da cui siamo uscite a fatica: quella dell’editoria a pagamento.

Co e Gi infatti venne pubblicato a pagamento dal Gruppo Albatros (allora “Il Filo”) e com’era lecito aspettarsi non venne in alcun modo promosso.  Nessuna recensione, nessuna visibilità.

Oggi, dopo sei anni, ci siamo riappropriate della nostra opera d’esordio, e crediamo sia giusto renderle giustizia;  sicuramente non sarà perfetta, sicuramente avrà tanti, forse tantissimi difetti, ma è una nostra creatura e noi non abbiamo alcuna intenzione di rinnegarla.

Abbiamo perciò deciso di metterla in download gratuito in formato pdf per tutti coloro che, per curiosità o voglia di sbeffeggiarci, vorranno leggerlo.

Di seguito la quarta di copertina:

È un giorno particolare a casa Mullitanio: Carlo, sposato con Chiara e padre di due figli, Giulia e Marco, festeggia il suo sessantaduesimo compleanno con un pranzo in famiglia. L’occasione conviviale si trasforma ben presto nel racconto di una toccante esperienza vissuta trent’anni prima, che ruota attorno ad alcune lettere, ritrovate da Carlo subito dopo la morte della madre, scritte da due persone che si firmano Co e Gi.
La prima impressione di Carlo è che sia uno scambio epistolare tra i suoi genitori, iniziato quando il padre aveva scoperto di essere malato di cancro. Ma ben presto Carlo si accorge che Co non è il nomignolo affibbiato alla mamma: c’è molto di più.
Comincia così un difficile percorso alla ricerca di una nuova verità che cambierà radicalmente la sua vita, da  sempre influenzata dalla figura egoista e cinica del padre.
Non subito, ma prima o poi capirai è la frase che accompagnerà Carlo nei trent’anni successivi.
L’intreccio tra reale e irreale, tra tempi che non tornano, tra cose dette e non dette, confonde i protagonisti fino all’ultimo capitolo, quando emergeranno nella loro inquietante chiarezza alcuni aspetti di Egidio fino ad allora insospettabili.

CLICCA QUI PER SCARICARE GRATUITAMENTE IL PDF

Annunci

2 thoughts on “Co e Gi

  1. malosmannaja ha detto:

    letto. e mi è piaciuto. sono partito con un po’ di perplessità (anche se non è esattamente un romanzo epistolare, il meccanismo lo ricorda per vari aspetti e ciò non mi faceva ben sperare), invece i tempi della narrazione sono gestiti bene e il libro si legge volentieri. nessuno sbeffeggio, pertanto.
    : )
    lo smarrimento di carlo prende per mano il lettore, portandolo a condividere un percorso di riscoperta del senso delle cose, nonché dello scarto tra ciò che siamo e ciò che crediamo di essere. la parte finale è forse la meno convincente, più filosofica-orientale che umana (varnina è una figura enigmatica, ma in fondo rassicurante, mentre se niente è come sembra, l’avrei visto più marpione e meno santone). sarà che alla fine c’è pure la morale…
    : )
    però c’è tanto di avvincente e di catartico nel rimettersi in discussione di carlo nei rapporti con il padre defunto, con la madre e con il suo modo di stare al mondo che qualsiasi perplessità passa in secondo piano. ben gestiti i dialoghi, poi, e i personaggi (varnina a parte) sono vivi e credibili.
    se vi fa piacere (enrica e daria, siete in due, no?) ospiterei il romanzo anche nella biblioteca copyleft “copylefteratura”, con annessa recensione. a me farebbe piacere.
    eventualmente, battete un colpo a malosmannaja@libero.it

  2. NayaN ha detto:

    Grazie, ti ho appena mandato un’email 😉

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Il blog di www.copylefteratura.org

Se il mondo fosse un enorme centro commerciale, l’arte non esisterebbe.

lotirofuori

Se non qui, dove ?

gretacerretti

Just another WordPress.com site

Briciolanellatte Weblog

Navigare con attenzione, il blog si sbriciola facilmente

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: