Google+

Ma andate un po’ affanculo, va’.

19/04/2013 di NayaN

Un blog serve anche per sfogarsi. E oggi mi sfogo. Perché mi sono rotta le palle di un sacco di cose e di un sacco di gente. Di quelli che hanno la lingua e le dita scollegate dal cervello, dei frustrati che ti buttano addosso le proprie sfighe e che fanno di tutto per portarti al loro livello, degli ignoranti vanagloriosi e pieni di loro stessi che pensano di poter decidere per te, dei politicanti propagandisti dell’ultima ora che danno aria alla bocca quando fino a ieri non sapevano decidere se il loro problema più grosso fosse il colore dello smalto o la marca delle scarpe, dei vigliacchi che non hanno le palle di dirti quello che pensano, di quelli che fanno promesse che sanno di non poter e non voler mantenere, di quelli che prima ti legano e poi ti lasciano marcire in catene, di quelli che si mettono davanti le foto del Papa e poi ti ficcano una lama nelle scapole appena ti giri, di quelli che passano la vita ad aspettare la manna dal cielo e non muovono un dito per farla piovere aspettando che sia tu a fare la danza della pioggia. E quando la fai, ti dicono pure che soffri di manie di protagonismo. Mi sono rotta dei libri di merda, degli autori incapaci, degli editori incompetenti, delle persone squallide, dei paranoici, dei fissati, degli ignavi, dei presuntuosi, dei maleducati, di chi chiacchiera troppo, di chi urla e di chi è il ritratto dell’ipocrisia. Mi sono rotta dei giornalisti, dei populisti, dei demagoghi, dei conformisti e degli anticonformisti. Mi sono rotta di quelli che devono distinguersi a tutti i costi. Mi sono rotta di Grillo, di Bersani, di Berlusconi e di tutti i loro seguaci. Mi sono rotta di leggere e sentire sempre le stesse stronzate e farmi il sangue amaro, mi sono rotta di quelli che pretendono d’insegnarti a vivere senza sapere un cazzo di come vivi e di come hai vissuto fino a oggi. Mi sono rotta di fare sempre la superiore per non dare adito a sterili polemiche. Mi sono rotta dei piccoli borghesi di ‘sto cazzo che si scoprono improvvisamente paladini della Patria, di quelli che fino a ieri era tutto bello e oggi fa tutto schifo perché bisogna ribellarsi – dove cazzo stavate fino a ieri? Mi sono rotta di essermi rotta e mi sono rotta di pensare che prima o poi mi trasferirò in campagna circondandomi solo di animali perché mi sono rotta della gente.

Lo sapete che c’è? Lo volete sapè? Ma andate un po’ affanculo, va’.

Annunci
Il blog di www.copylefteratura.org

Se il mondo fosse un enorme centro commerciale, l’arte non esisterebbe.

lotirofuori

Se non qui, dove ?

gretacerretti

Just another WordPress.com site

Briciolanellatte Weblog

Navigare con attenzione, il blog si sbriciola facilmente

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: