Google+

Perché mi sono rotta le palle della gente che non sa scrivere

13/10/2012 di NayaN

Perché basta con questa storia che scrivere è cuore e anima. Perché basta con questa storia che per scrivere non serve tecnica. Perché basta con questa storia che un  buon romanzo è fatto da un’idea fantasmagorica e tutto il resto non conta. Perché basta con questa storia che il romanzo deve ricalcare fedelmente la vita con i suoi salti temporali, con le sue persone che passano e non lasciano alcun segno, con le sue contraddizioni, con i suoi mancati equilibri. Perché basta con questa storia che se uno ha uno stile non lo deve snaturare.
C-A-Z-Z-A-T-E.
Se uno scrive di merda non è che quello è il suo stile, è che scrive di merda. Se uno non sa declinare i pronomi non è che sia un innovatore, è un ignorante. Se uno crede che il congiuntivo sia desueto non è che sia un futurista, è che non capisce un cazzo di scrittura. Perché altrimenti non spenderei venti euro per comprare un romanzo. Uscirei di casa e otterrei un effetto migliore. Anzi, non uscirei nemmeno di casa e otterrei comunque un effetto migliore.
La narrativa è A-L-T-R-O e se non siete in grado di capirlo allora non sarete mai capaci di scrivere narrativa. E potete girarla e rigirarla come vi pare, il risultato non cambierà. M-A-I.

Annunci
Il blog di www.copylefteratura.org

Se il mondo fosse un enorme centro commerciale, l’arte non esisterebbe.

lotirofuori

Se non qui, dove ?

gretacerretti

Just another WordPress.com site

Briciolanellatte Weblog

Navigare con attenzione, il blog si sbriciola facilmente

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: