Google+

Per tutti coloro che lottano per un mondo piu’ giusto

13/11/2008 di NayaN

Il cinque di maggio del Settantadue nella città
di Pisa, in Italia, in mezzo alla città
alcuni miei concittadini armati
agenti della polizia repubblicana scatenati
coi fucili rompendogli le ossa del cranio hanno ammazzato
a calci un giovane manifestante chiamato
Franco Serantini. A quelli che lo hanno ucciso
Il governo ha benedette le mani con un sorriso.
Alla radio hanno parlato dei nostri doveri.
La gente ha altri pensieri.
Negli anni della mia vita le vittime innocenti
Hanno coperto di corpi i continenti
E ogni giorno il potere squarcia e distrugge chi non
accetta chi non acconsente chi non si consuma con
rabbia o devozione. Lo so perché io
guardo dalle due parti come un ridicolo iddio.
Non voglio impietosire, non lo mostro denudato
con la fronte nera che i grandi gli hanno spezzato.
E potrei farvi piangere saprei farvi gridare
Ma non serve al difficile lavoro che abbiamo da fare.
Per questo queste parole non sono poesia
Se non per una rima debole che va via
Di riga in riga sibilo e memoria
O augurio o rimorso di qualcosa che fu gloria
O pietà per la nostra storia feroce
canto che serbò un nome
voce che amò una croce.
Non c’è ragione che valga il male né vittoria una vita.
La mia lo sa che fra poco sarà finita.
Ma se tutto è un segno solo e diventano i destini
Uno solo – e noi portiamo Serantini
Finchè possiamo.
(Franco Fortini, 1972)

Annunci
Il blog di www.copylefteratura.org

Se il mondo fosse un enorme centro commerciale, l’arte non esisterebbe.

lotirofuori

Se non qui, dove ?

gretacerretti

Just another WordPress.com site

Briciolanellatte Weblog

Navigare con attenzione, il blog si sbriciola facilmente

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: