Google+

spesso

2

04/10/2008 di NayaN

Spesso rischio di affogare nelle incertezze, nella paura di fare del male. Le esperienze segnano, a volte segnano molto di più di quello che si pensa, di quello che si riesce ad ammettere. Ti ritrovi ad essere quello che sei e non sai perchè, non sai se ti piace, non sai se potresti essere migliore. Spesso non capisco dove sbaglio, eppure continuo a chiedermelo, continuo a chiedermelo anche quando so che è inutile continuare a chiedermelo, e non serve a niente che gli altri me lo ricordino. Spesso mi manca la voglia di fare diversamente, spesso mi cadono le braccia di fronte a situazioni che reputo troppo impervie da affrontare. Spesso mi pongo domande, a volte trovo anche le risposte, ma la maggior parte delle volte non ho voglia di tirarle fuori. Spesso sono pigra, in fondo. Spesso mi mancano le cose che avevo, ma non tornerei mai indietro a riprendermele, e allora mi chiedo perchè mi mancano. Spesso mi guardo intorno e sono contenta di quello che sono, ma succede anche che vorrei essere come non sono. Mi sento spesso confusa, sfiduciata, senza forze, ma poi vado sempre e comunque avanti, e ci provo, almeno, anche se poi la paura di soffrire è tanta, a volte è troppa, e quando è troppa mi fermo un attimo a guardarmi indietro. Spesso vorrei lasciar andare, non trattenere, ma a volte non ci riesco, ho paura. Spesso mi si riempie il cuore di gioia guardando le piccole cose che in pochi riescono a guardare veramente, ma vorrei vedere di più. Spesso però mi viene da piangere per un niente e vorrei essere meno sensibile. Spesso vorrei essere più forte, molto più forte, affrontare tutto a testa alta ma a volte il peso del passato mi fa abbassare lo sguardo. Spesso mi chiedo come sarei ora, cosa sarei ora se avessi accettato certi compromessi, se non avessi voluto fare sempre e solo di testa mia, se avessi dato meno peso alle mie convinzioni, se avessi seguito più spesso le vie di mezzo, se avessi considerato di più chi mi stava intorno. Spesso penso a quanto sono stata egoista, a quanto poco mi sono sforzata di capire gli altri, anche se poi penso che gli altri si sono sforzati molto meno di me per capirmi. Spesso penso a cosa sia veramente giusto, spesso mi chiedo se esista veramente il giusto. Spesso vorrei pensare di meno.
Spesso vorrei essere un bambù cavo, ma in fondo forse ho ancora paura di diventarlo.

Annunci

2 thoughts on “spesso

  1. Franco Cifarelli ha detto:

    Ciao carissima, non ho parole da offrirti perchè ho paura di cadere nella retorica, ma leggendoti non ho saputo resistere alla tentazione di dirti almeno in bocca al lupo per tutto e che ti voglio bene, amica cara.

  2. Enrica ha detto:

    Grazie! Un po’ di conforto quando ci si sente così non fa mai male…

I commenti sono chiusi.

Il blog di www.copylefteratura.org

Se il mondo fosse un enorme centro commerciale, l’arte non esisterebbe.

lotirofuori

Se non qui, dove ?

gretacerretti

Just another WordPress.com site

Briciolanellatte Weblog

Navigare con attenzione, il blog si sbriciola facilmente

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: